Lorem ipsum

venerdì 12 giugno 2015

Come vengono tassati i ricavi nel Network Marketing

Molti ragazzi mi hanno contattato in PVT su Facebook o attraverso il Gruppo di Network Marketing chiedendomi info sulla tassazione dei ricavi nel network marketing

Un po' di storia...

Il Multi Level Marketing o Network Marketing è un sistema di distribuzione di prodotti e servizi utilizzato da molte aziende come canale distributivo. 

Ma come viene disciplinato dal punto di vista fiscale?
 Come vengono tassati i ricavi provenienti da questa attività?
Il Network Marketing è nato originariamente nel 1934 negli Stati Uniti per la distribuzione di integratori alimentari. Il semplice meccanismo di distribuzione di prodotti e servizi prevede che il consumatore che consigli tali prodotti ai propri amici e conoscenti riceva dall’azienda dei benefici economici tanto per le vendite procacciate in proprio quanto per le vendite procacciate da persone introdotte nella struttura dal consumatore iniziale con un sistema di conteggio delle provvigioni che continua anche in diversi sotto livelli successivi. 
Da qui appunto il nome di Marketing Multilivello.


La forma di network più adottata attualmente è quella detta “guadagno a cascata”:  se porti un amico nel network, parte dei suoi proventi finiranno nelle tue tasche, ed anche di tutti quelli che porterà esso a sua volta. Il guadagno può quindi provenire da una serie infinità di utenti.
I proventi prodotti da questo tipo di attività sono dunque una sorta di “rendita finanziaria” in quanto  finanzi un progetto annettendoti al sistema.  Benché la tipologia di business sia quella di un investimento a medio-lungo termine (proventi finanziari) l’attività di network marketing è riconducibile al commercio presso il domicilio del consumatore, pertanto fiscalmente viene trattato in tale modo.
Questo implica che i guadagni vengono trattati in questi due modi:
1)      Fino a 6093 euro di guadagno lordo annuo si paga il 23% sul 78% dell’imponibile.
Esempio guadagno 3000,00 € -> tasse (3000×78%) x 23%= 538,20 € Rendita netta 2461,80
2)      Oltre i 6093 euro lordi ci si deve aprire la partita iva ed iscriversi in camera di commercio. Questo implica il pagamento dell’IRPEF, IRES o imposta sostitutiva a seconda del tipo di inquadramento giuridico che si vuole avere. Inoltre l’iscrizione in Camera di commercio implica l’iscrizione all’INPS e INAIL e ciò prevede il pagamento in misura fissa dei contributi annui (ameno che non siate già dipendenti).
Esiste comunque la possibilità di iscriversi come regime dei minimi dove si paga in misura fissa un imposta sostitutiva del 5% sull’utile lordo realizzato durante l’anno. Per chi è giovane calza a pennello in quanto si può aderire con i seguenti requisiti:
–          Dalla data di iscrizione fino al 35 esimo anno di età
–          Ricavi inferiori ai 30.000 € annui
–          No importazioni ed esportazioni
–          Acquisto di beni ammortizzabili inferiori ai 15.000 €
Solo nel caso in cui il network marketing promuova rendite diverse, esempio quelle finanziarie (obbligazioni,azioni ecc), il networker è soggetto alla tassazione in misura fissa del 26% (Riforma Finanziaria 2014 Renzi). In ogni caso ladichiarazione dei redditi è da produrre entro il 30 settembre dell’anno successivo mediante il Modello Unico, compilando i quadri appositi per le rendite finanziarie.



L’utilizzo a volte distorto di questo meccanismo distributivo ha favorito, spesso in assenza di severe norme di controllo, la nascita di fenomeni tipo catene di Sant’Antonio oppure tipo piramidi illegali che nulla avevano più a che fare con distribuzione del prodotto, fino ad arrivare a vere e proprie truffe finalizzate solamente a inserire nuovi distributori, ai quali venivano chieste pesanti quote di iscrizione oppure ai quali venivano venduti corsi di formazione con costi proibitivi.
In Italia è Network Marketing è regolamentato dalla Legge 17 agosto 2005, n. 173 rubricata “Disciplina della vendita diretta a domicilio e tutela del consumatore dalle forme di vendita piramidali”.
La normativa offre un’ampia tutela nei confronti del consumatore che si approccia a queste realtà ponendo precisi limiti e vincoli alle modalità di acquisto del prodotto, ai servizi collaterali quali la formazione e in generale all’etica di distribuzione dei prodotti e servizi. Vengono infatti considerate illegali (articolo 5) tutte le forme “di vendita piramidali e di giochi o catene” e vengono imposti precisi obblighi, quali ad esempio il possesso del tesserino di riconoscimento di cui all’articolo 19, commi 5 e 6, del Decreto Legislativo 31 marzo 1998, n. 114 “Riforma della disciplina relativa al settore del commercio, a norma dell’articolo 4, comma 4, della legge 15 marzo 1997, n. 59“.
requisiti personali per poter esercitare l’attività di “networker” sono i medesimi richiesti per l’esercizio di una qualsiasi attività commerciale e sono indicati all’articolo 5, comma 2 della citata Legge 59/1997.

ECCO CHE TI CONSIGLIO IL LIBRO!
SE LO ACQUISTI DA QUI AVRAI ANCHE LO SCONTO!

La Formula per il Successo nel Network Marketing

 
  • Prezzo € 8,50 invece di 10,00 sconto 15%
  • Tipo: Libro
  • Pagine 174
  • Formato: 14,5x21
  • Anno: 2010

  • Sconto
  • Tradotto in 14 lingue, promosso da grandi società di Multi Level Marketing, bestseller di Making Money Magazine, La formula per il successo nel Network Marketing di Chris Taylor sta diffondendo il suo messaggio importante in tutto il mondo. Chris Taylor lascia gli studi senza aver ottenuto nessuna qualifica. Inizia con grande successo la sua carriera lavorativa di tipo tradizionale, prima di volgersi al Network Marketing all'età di 27 anni.














È tuttora attivo nel suo business, è stato "Top Achiever" nella sua società di Network Marketing. Si dedica a sostenere la sua squadra verso il successo con un sistema ben collaudato in grado di portare dagli inizi fino a diventare leader di un grande gruppo.
Qui c'è tutta la sua conoscenza ed esperienza a tua disposizione per aiutarti ad ottenere il più alto livello di successo nel tuo business.
  • Costruire un business potente e sicuro
  • Lavorare in profondità col tuo team
  • Costruire una lista di contatti
  • Avere più capacità con i follow-up
  • Imparare a duplicarti nel tuo business
  • Usare script per associare 
"Un must per chi vuole sfondare col Network Marketing" - Bryan Mayne, autore del bestseller "Goal Mapping"
"Il miglior libro sul Network Marketing! Pieno di ottimi consigli pratici su come costruirsi un business di successo nelle vendite dirette" - Richard Berry, Direttore DSA (Direct Selling Association) 
"Il miglior libro che sia stato scritto sul Network Marketing. Non puoi non leggerlo!" - Trevor Wagstaff, MD Brian Tracy Int. 


Senza dubbio un aspetto particolarmente sdegno di nota è quello fiscale.
Fino a 5.000 euro netti di incassi per anno solare l’attività è considerata come “occasionale” e non necessità di alcuna particolare formalità. I redditi sono infatti tassati mediante una ritenuta alla fonte nella misura del 23% (primo scaglione di imposta IRPEF) calcolata su un imponibile del 78%.
La misura complessiva della ritenuta è pertanto del 17,94% e, trattandosi di ritenuta a titolo definitivo, esonera il percettore da qualsiasi ulteriore obbligo dichiarativo.
I redditi così percepiti non andranno pertanto dichiarati e non faranno cumulo con eventuali altre entrate del contribuente, il quale è pertanto libero da qualsiasi ulteriore obbligo.
Oltre la soglia di 5.000 euro netti per anno solare, corrispondenti ad euro 6.093 lordi, l’attività non è più considerata occasionale e comporta l’obbligo dell’apertura della partita IVA con relativa emissione delle fatture di provvigioni e versamento dell’Imposta sul Valore aggiunto nelle vie ordinarie.
Tuttavia il particolare trattamento impositivo delle provvigioni con ritenuta d’imposta definitiva continuerà ad applicarsi anche oltre la soglia dei 5.000 euro per anno con il diretto risultato che il contribuente continuerà a non essere soggetto all’obbligo di dichiarazione dei redditi e pertanto dovrà unicamente presentare la dichiarazione IVA in forma autonoma.
L’applicazione del regime di ritenuta di imposta definitiva estende i suoi vantaggi prevedendo la non assoggettabilità ad IRAP, la non applicabilità degli studi di settore e dei parametri reddituali e l’esenzione dall’obbligo di iscrizione alla Camera di Commercio e dal pagamento della relativa tassa di iscrizione.
Infine oltre i 5.000 euro netti si inserisce l’obbligo di iscrizione alla gestione separata INPS ed il relativo obbligo di versamento dei relativi contributi secondo le aliquote vigenti (D.L. 269/03 (art. 44, c. 2), convertito in L. 326/03). Il contributo rimane per 1/3 a carico dell’incaricato alle vendite e per 2/3 a carico dell’azienda erogante e si calcola (Legge Finanziaria per il 2003 – art. 2, c. 12)  sull’imponibile fiscale pari al 78% delle provvigioni percepite.
Normalmente per questi adempienti ci si rivolge a un consulente che prepara tutte le pratiche, ci ricorda le scadenze e ci prepara gli F24 da inviare all’Agenzie delle Entrate.
RIFERIMENTI NORMATIVI
Riferimento normativoLegge 173/2005
Regolamentazione attivitàDecreto legislativo 114/1998
Regolamentazione fiscaleDecreto del Presidente della Repubblica 600/1973
Regolamentazione INPSLegge 335/1995
Codice Partita IVA46.19.02
Versamento IVAF24 Trimestrale
Definizione ricaviProvvigioni
Versamento IRAPNon dovuto
Dichiarazione IVAAnnuale con Modello Unico
Posta un commento

Libri consigliati

Social Network Marketing 3.0

Su Amazon

Top Seller: Venditore TOP

Su Amazon

I MIsteri della Comunicazione

Bestseller Su Amazon



Andrea Tamburelli ospite di Tempo Super

Hanghout sulla gestione del tempo(Con Davide Rampoldi Coach)

Like-MLM Strategies

Software per la gestione del Network Marketing & mercato multilivello


Siamo LEADER del mercato e primi su Google, i più richiesti ed i più imitati!!!
Diffida da imitazioni e CONTATTACI SUBITO!