Lorem ipsum

lunedì 18 agosto 2014

Sapete quanti sono i bot nei social-network?

Ormai tutti abbiamo un account su qualche social network, non è nulla di anormale...
La cosa che salta all'occhio soprattutto su G+, Facebook e Twitter è che si nota sempre di più che spesso, non tutti gli utenti che seguiamo o che ci seguono sono gestiti da esseri umani in carne ed ossa. 

Un utente non proprio esperto potrebbe non riuscire a cogliere la differenza tra ro-bot e persona umana al primo colpo: in alcuni casi la gestione software della comunicazione è talmente precisa che le differenze sfuggono anche ad un occhio più attento, e tra questi tanti non-umani con cui interagiamo molti forniscono link ed informazioni utili di cui spesso ci serviamo.
Mi sono chiesto tante volte quale sia la percentuale di "cosi automatici" rispetto alle persone in carne ed ossa...addirittura mi sono accorto che ci sono dei bot su G+ che prendono i miei articoli e li condividono...mi fanno anche un piacere!!!
Altri bot invece sono perfettamente in grado di compilare form ed invaderti di spam...per quello esistono i tanto odiati captcha, ma un mio amico ingegnere ha scoperto che anche alcuni dei metodi anti-bot sono vani, si parla quasi di simil-utenti veri e propri.

La cosa fastidiosa per un blogger o per un'azienda che deve controllare le statistiche è il fatto che devi stare molte volte a "scremare" gli accessi, guardando i tempi di connessione e le fonti di provenienza, perchè queste macchinette sono in grado di sballarti le statistiche, ed i dati sembrano migliori spesso di quanto lo sono realmente...se utilizzi sistemi tipo blogger (spesso al momento in cui pubblichi un contenuto hai già subito 5/6 visite), sappi che i dati non sono credibili, devi ricorrere ad Analytics per forza.
Twitter ha dichiarato alla Securities & Exchange Commission i numeri ufficiali sugli utenti attivi che hanno popolato il sito di microblogging nei tre mesi antecedenti al 30 giugno 2014, di cui ben l’8,5% sono risultati essere gestiti da software in grado di mascherare i propri messaggi automatici con quelli soliti degli utenti comuni.
Facendo un po' di conti, su circa 271 milioni di utenti attivi conteggiati da Twitter, gli account automatici ammontano a quota 23 milioni, e non per forza tutti dediti ad attività di spam o diffusione di virus.

Ecco un classico esempio di compravendita di like provenienti da BOT
Spesso questi bot non fanno spam, e buona parte di questi "utenti robotizzati" facciano capo ad aziende che si affidano a software predisposti per curare la comunicazione con i propri clienti, diffondendo link utili inerenti ai propri prodotti e/o servizi, curando la diffusione di informazioni che riguardano la propria azienda e più in generale per tenere attiva la vita social del proprio marchio, non sempre gestibile con continuità da persone in carne ed ossa. Certo, si tratta di un gran numero di account “fasulli”, ma il rischio di incappare in tweet indesiderati resta comunque relativamente basso.
Proprio oggi, parlando con un cliente, mi ha detto "un tuo collega mi ha proposto 1000 likes per 5 euro", bene quelli sono sicuramente dei bot, che le aziende ed i professionisti utilizzano per "gonfiare" i propri numeri per "apparire" più ricercati...anche se, come dico spesso, la quantità di likes non significa che il contenuto valga: preferisco le interazioni degli utenti veri, commenti, sharing...quelli sono gli indici di successo di un contenuto!!

Voi cosa ne pensate?
Posta un commento

Libri consigliati

Social Network Marketing 3.0

Su Amazon

Top Seller: Venditore TOP

Su Amazon

I MIsteri della Comunicazione

Bestseller Su Amazon



Andrea Tamburelli ospite di Tempo Super

Hanghout sulla gestione del tempo(Con Davide Rampoldi Coach)

Like-MLM Strategies

Software per la gestione del Network Marketing & mercato multilivello


Siamo LEADER del mercato e primi su Google, i più richiesti ed i più imitati!!!
Diffida da imitazioni e CONTATTACI SUBITO!