Lorem ipsum

martedì 30 settembre 2014

Ebook o cartaceo? Questo è il dilemma...

Tutti conoscono i vantaggi degli ebook: disponibilità (download immediato), prezzo inferiore rispetto alla versione cartacea, immaterialità (ridotto peso ed enorme capacità di memoria dei lettori/tablet). 
Pochi conoscono però gli svantaggi, ad alcuni dei quali si può ovviare.

C'è una grande differenza tra un libro cartaceo e un ebook, e tale differenza riguarda sia l'aggiornamento dei contenuti che il modo di fruirne.
 Riguardo all'aggiornamento dei contenuti la differenza è nota: un libro cartaceo è "statico" e immutabile, nel senso che una volta pubblicata una certa edizione il contenuto viene "bloccato" dall'editore; un ebook ha invece un contenuto "dinamico", nel senso che l'autore può decidere di modificarlo aggiornando, in accordo con l'editore, l'edizione disponibile online.



 A questo riguardo è utile leggere l'opinione di Nicholas Carr, pubblicata in italiano da Internazionale 931 (13 gennaio 2012) e in inglese dal WSJ (ved. bibliografia); egli descrive la propria esperienza di pubblicazione di un ebook con il servizio di Amazon Kindle Direct Publishing che consente a chiunque di pubblicare, senza intermediazioni, e vendere sul sito Amazon i propri ebook.

La differenza maggiore tra libri cartacei ed ebooks riguarda però l'interpretazione dei contenuti, infatti gli ebook permettono di aggiungere segnalibri e note personali nelle varie pagine dell'ebook.

Tali contrassegni non rimangono privati ma vengono posti online: vedere l'esempio nel box a fianco in cui un ebook, acquistato su amazon, mostra le segnalazioni (highlights) dei passi contrassegnati da altri lettori.


Qualcuno potrebbe ritenerlo un vantaggio, a nostro parere invece i segnalibri sono un sentiero verso il conformismo.
Conoscere le preferenze altrui (magari dei nostri amici), a nostro modo di vedere, danneggia l'intepretazione del contenuto e rischia di impoverire la riflessione personale su di esso.

Nicholas Carr, nell'evidenziare i vantaggi della facilità di aggiornamento, mette in guardia sugli svantaggi: "I consigli di istituto potrebbero influenzare le letture degli studenti, per esempio modificando i libri di testo che non coincidono con le loro idee. I governi autoritari potranno cambiare i libri per adattarli ai loro interessi politici.
E c'è il rischio di perdere il controllo delle revisioni".
Qualcuno potrebbe pensare: cosa c'è di nuovo, è sempre successo. 
E' vero, nelle nazioni illiberali è sempre successo e succede, ma oggi la tecnologia consentirebbe di farlo ovunque in modo semplice, rapido e invisibile.


L'editore/venditore sorveglia la nostra modalità di lettura 

Occorre sapere che quando leggiamo un ebook, il venditore/editore acquisisce una serie di informazioni online sulla nostra modalità di lettura (velocità di lettura, inserimento di segnalibri, inserimento di note e commenti personali, ecc). 

Lo scopo dichiarato è quello di impiegare tali informazioni per migliorare quel prodotto editoriale, e oggi è probabilmente così, ma domani? 
Sappiamo che quando la tecnologia consente di fare qualcosa di nuovo, c'è sempre qualcuno che se ne appropria per i propri interessi economici, politici, ecc. 
Il rischio è che la sorveglianza sulla modalità di lettura spinga gli editori a chiedere agli autori di modificare in senso peggiorativo i testi (semplificando, alleggerendo, omettendo, banalizzando, ecc). 

La carica degli e-book

Se fosse un film potrebbe intitolarsi La carica degli e-book.
Gli editori italiani grandi e piccoli stanno stringendo accordi di ogni tipo per conquistarsi uno spazio nella terra vergine del libro digitale.
Gli attori in campo si chiamano Telecom e Mondadori (soci dello store Biblet), Feltrinelli, Messaggerie e Rcs (Edigita), tutti colossi che lottano tra loro per creare un giro d'affari finora inesistente (lo 0,01% del totale in Italia contro il 5% negli Usa).
Anche i negozi si moltiplicano, dalle librerie tradizionali come Feltrinelli.it e Ibs che inaugurano la sezione E-book, al tradizionale Simplicissimus fino ai nuovi arrivati come Net-ebook, costola di Mediaworld.



Dall'altra parte della barricata il libro cartaceo vive di rendita, del suo essere una tecnologia già conosciuta e apprezzata da più di cinquecento anni.
Ha canali di vendita consolidati, milioni di estimatori, e non comporta costi aggiuntivi.
Non è chiaro se in futuro si assisterà a uno scontro tra il libro tradizionale e il suo gemello digitale o se si arriverà a una pacifica convivenza tra i due.
Per ora il caro vecchio libro ne esce vincitore.

Tu cosa ne pensi? Scrivi qui sotto la tua opinione (se ne hai voglia!)
Posta un commento

Libri consigliati

Social Network Marketing 3.0

Su Amazon

Top Seller: Venditore TOP

Su Amazon

I MIsteri della Comunicazione

Bestseller Su Amazon



Andrea Tamburelli ospite di Tempo Super

Hanghout sulla gestione del tempo(Con Davide Rampoldi Coach)

Like-MLM Strategies

Software per la gestione del Network Marketing & mercato multilivello


Siamo LEADER del mercato e primi su Google, i più richiesti ed i più imitati!!!
Diffida da imitazioni e CONTATTACI SUBITO!