Lorem ipsum

martedì 17 giugno 2014

Per catturare l'attenzione devi essere unico!

Chi ha studiato comunicazione ben si ricorderà della comunicazione persuasiva, è un elemento fondamentale per comunicare dei concetti in modo efficace e fare in modo che l’utente compia delle azioni (anche solo ti presti attenzione), io più che comunicazione persuasiva la chiamo comunicazione efficace: per ottenere un massimo effetto dobbiamo veicolare il messaggio in maniera che il ricevente possa credere a quello che diciamo e, soprattutto, fare in modo che se lo ricordi. Nozioni indigeste? Un po’, ma sono anche solide fondamenta.



C’è una cosa che hanno in comune i testi scritti per il web e quelli cartacei: una corretta disposizione dei paragrafi. innanzitutto disponi titolo -il famoso H1- in un corpo testo maggiore e in grassetto, poi il primo paragrafo introduttivo, e a seguire la suddivisione in altri paragrafi con relativo titolo che costituiscono il corpo del testo, la trattazione vera e propria; infine, la conclusione.

Per evidenziare le ancore visive, ovvero le parole chiave, usa il grassetto, mentre per le eventuali parole straniere prestate all’italiano puoi usare il corsivo.

Un segreto che ti rivelo è quello di dividere il tuo testo in tre parti: la prima che deve contenere dei concetti che ritieni importanti e che devono “salvarsi” nella memoria del lettore, una parte intermedia, nella quale l’utente tende a rilassarsi, e la parte finale, che dev’essere esplosiva: questo perché la nostra mente tende a ricordare l’inizio e la fine e questa tecnica è ben conosciuta dai copywriters professionisti!

La ricetta segreta? Beh, è una proporzione: 5 +o- 3. Questo perché i tempi di lettura sul web si condensano e non si possono spendere troppe parole, ma nemmeno troppo poche.

Una headline? Un pay-off? Un piccolo (ma grande) testo per una landing page? Mai superare un certo numero di caratteri! 

Io nei miei libri “Appunti di un web-copywriter” e “I Misteri della Comunicazione” ho coniato una regola che non mi stanco mai di ripetere anche ai miei interventi dal vivo: sembra una formula matematica, “5+o-3“, appunto. 

Mi spiego: i paragrafi non dovrebbero mai avere meno di due righe di testo -per non sembrare troppo
mingherlini- e mai più di otto.
Due sono il minimo, cinque l’ideale è sette/otto, il massimo per catturare l’attenzione del lettore web e non stancarlo.

Poi questa regola ha la sua applicazione: per una landing si possono usare tre righe di testo con ancore ben in vista, per un post Facebook invece dalle 3 alle 5 (e non oltre!), mentre i paragrafi di un post per un blog, o un articolo, possono avere paragrafi che vanno dalle 5 alle 8 righe di contenuto. L’introduzione e la conclusione ideali tre paragrafi.

Così otterrai anche un buon ordine visivo e una leggibilità molto più efficace.

Tieni sempre conto di una cosa: sul web l’utente è pigro e devi saper catturare la sua attenzione e solleticare la sua curiosità con efficacia…puoi applicare alla lettera tutti i segreti del copywriting ma il trucco segreto deve partire dalla tua “penna” devi diventare magnetico, empatico, devi farti apprezzare, riconoscere, devi essere unico, poi il resto lo trovi nei libri di scrittura & comunicazione!
Posta un commento

Libri consigliati

Social Network Marketing 3.0

Su Amazon

Top Seller: Venditore TOP

Su Amazon

I MIsteri della Comunicazione

Bestseller Su Amazon



Andrea Tamburelli ospite di Tempo Super

Hanghout sulla gestione del tempo(Con Davide Rampoldi Coach)

Like-MLM Strategies

Software per la gestione del Network Marketing & mercato multilivello


Siamo LEADER del mercato e primi su Google, i più richiesti ed i più imitati!!!
Diffida da imitazioni e CONTATTACI SUBITO!